Aiuti sussidiari per i casi di rigore Covid-19

Nelle regioni di montagna, molte piccole e microimprese sono state duramente colpite dalla crisi pandemica. A complemento della mano pubblica, l’Aiuto svizzero alla montagna offre sostegno ai casi di rigore.

La crisi legata al coronavirus ha causato notevoli perdite ad aziende fino a quel momento sane. Confederazione e Cantoni hanno varato diversi pacchetti di salvataggio per attutire il colpo. Le piccole e microimprese delle regioni di montagna che avessero esaurito questi aiuti e fossero ancora in gravi difficoltà possono chiedere il sostegno sussidiario dell’Aiuto svizzero alla montagna.

Quattro finestre temporali

Le aziende possono presentare una richiesta durante quattro finestre temporali di un mese nel corso del 2021. L'ultima finestra di presentazione è aperta adesso fino al 30 settembre. Il link per inoltare la domanda online si trova in fondo a questa pagina.

Dato che solo un numero limitato di richieste può essere trattato, alla fine della finestra temporale l'Aiuto svizzero alla montagna dà loro la priorità. Le domande selezionate vengono sottoposte a una verifica dettagliata per accertarsi che i fondi siano utilizzati correttamente.

Affinché un’azienda abbia diritto agli aiuti sussidiari, deve soddisfare le condizioni seguenti:

Avete domande?
 Patrick Zollinger
Patrick Zollinger

Dimensioni e ubicazione

  • L’azienda ha da uno a 49 equivalenti a tempo pieno ed è quindi annoverabile tra le piccole imprese.
  • L’azienda si trova in una zona di montagna 2, 3, 4 o nella regione d'estivazione (ai sensi dell’Ordinanza sulle zone agricole).
Regioni di montagna
A tale riguardo, fanno stato i limiti delle zone agricole definiti dall’Ufficio federale dell’agricoltura. Qui trovate una cartina delle zone di montagna in tutta la Svizzera.
Cartina
In quale zona di montagna si trova l'azienda?

Situazione finanziaria

Hanno possibilità di ottenere un sostegno le aziende la cui base di capitale proprio resta minacciata anche dopo la decisione cantonale positiva o negativa in merito alle misure di aiuto. La banca deve inoltre contribuire a risolvere il problema. Altri criteri:

  • Secondo l’indice EBITDA, nel confronto tra il 2019 e il 2020 (eventualmente considerando anche il 2021) l’utile è calato dell’80 per cento (vedi esempio di calcolo nelle domande e risposte).
  • L’azienda dispone di un attivo fisso minimo (immobilizzazioni materiali) di un milione di franchi al valore d’acquisto.
  • Nel 2019, l’azienda ha registrato un flusso di cassa operativo positivo.
  • Al 31.12.2019, l’azienda non aveva un’eccedenza di debiti (ai sensi dell’art. 725, cpv. 2 CO).
  • La Confederazione/ il Cantone/ il Comune partecipano finanziariamente all’azienda in misura inferiore al 50 per cento

Come posso beneficiare del sostegno?

local:faq_tit

1

Preparare la richiesta

Preparate e scansionate prima tutti i documenti elencati qui sotto. Avete bisogno di tutti i documenti in forma digitale.

2

Richiesta di sostegno

Quando la finestra di presentazione è aperta, il link per inoltare la domanda online appare qui sotto. Lì sarete guidati passo dopo passo attraverso il processo e potrete caricare i documenti preparati.

3

Esame della richiesta

Ora c'è bisogno di pazienza. Dato che solo un numero limitato di domande può essere trattato, l'Aiuto svizzero alla montagna dà loro la priorità. Possono passare fino a dieci settimane prima di ricevere una decisione.

Preparare la richiesta

Alla richiesta devono essere allegati i documenti seguenti.

  • Decisione del Cantone in merito agli aiuti nei casi di rigore (prestiti, fideiussioni, contributi a fondo perso), sulla base dell'ultima ordinanza COVID-19 casi di rigore
  • Esenzione dall’obbligo di discrezione da parte della propria banca
  • Pianificazione della liquidità
  • Indicazioni sugli ordini (libro degli ordini)
  • Ultima notifica di tassazione privata dei soci principali (solo società anonime, Sagl, ditte individuali)
  • Libro delle azioni (solo società anonime)
  • Statuti
  • Conto annuale 2020 con cifre dell’anno precedente
  • Estratto del registro di commercio

Se le informazioni non sono visibili nel conto annuale, vanno allegati anche i documenti seguenti:

  • Calcoli EBITDA 2020 con cifre dell’anno precedente
  • Conto dei flussi di tesoreria 2020 con cifre dell’anno precedente
  • Polizza d’assicurazione delle immobilizzazioni materiali (comprova delle immobilizzazioni materiali minime di un milione di franchi al valore d’acquisto)

Inoltre si prega di scaricare e compilare il questionario aiuti sussidiari per i casi di rigore Covid-19:

Registratevi e compilate il modulo di richiesta direttamente online.

Domande e risposte

Non ho ancora fatto domanda al cantone per i casi di rigore. Dove posso farlo?

La lista di tutti i link agli punti di contatto cantonali si trova qui: https://covid19.easygov.swiss/it/casi-di-rigori-punti-di-contatto-cantonali/

Non so se soddisfo i criteri. A chi posso rivolgermi?

Potete contattare direttamente Patrick Zollinger al numero 044 712 60 63 o all’indirizzo patrick.zollinger@berghilfe.ch.

Non riesco a preparare la documentazione per questa finestra temporale. Quanto dura il programma?

Il programma prevede quattro finestre temporali e durerà fino a fine 2021. Informeremo su questo sito man mano che si aprirà una finestra temporale.

Posso inoltrare la richiesta anche per posta?

Per velocizzare la procedura, accettiamo solo richieste online.

Come viene calcolato il calo dell’utile secondo l’indice EBITDA?

Il criterio da rispettare è un calo dell'utile dell'80% secondo l'indice EBITDA rispetto al 2019. Accettiamo tre metodi di calcolo. Qui un esempio di calcolo può essere scaricato.

Il criterio del calo dell’utile secondo l’indice EBITDA è applicabile anche a un solo settore aziendale?

Consideriamo l’azienda nel suo complesso, l’applicazione di questo criterio a singoli settori aziendali non è dunque ammessa.

Che cos’è l’esenzione dal segreto bancario? Perché ne avete bisogno?

Con l’esenzione, il vostro istituto non è più vincolato al segreto bancario nei confronti dell’Aiuto svizzero alla montagna. È l’unico modo per ottenere informazioni rilevanti per l’esame della vostra richiesta.

Chi esamina la mia richiesta?

Le richieste vengono esaminate da periti volontari dell’Aiuto svizzero alla montagna, mentre la decisione è presa da uno specifico Comitato, i cui membri lavorano a loro volta a titolo volontario.

Come vengono fissate le priorità nell’esame delle richieste?

In base agli obiettivi dell’Aiuto svizzero alla montagna. Per contrastare l’esodo dalle regioni periferiche a causa della crisi pandemica, consideriamo per esempio il numero di posti di lavoro minacciati e la posizione geografica dell’azienda.

A quanto ammonta il sostegno?

L’importo dipende dal fabbisogno individuale di ciascuna azienda stabilito dai nostri periti.