Energia

L’Aiuto svizzero alla montagna sostiene progetti che rendono economicamente fruibili le fonti di energia indigene.

Le regioni di montagna sono ricche di risorse naturali, come l’acqua, il sole, il legno o i rifiuti organici, che possono essere utilizzate per produrre energia sostenibile ed ecologica. In tal modo, contribuiscono alla creazione di posti di lavoro e valore aggiunto. I progetti sostenuti

  • producono energia per la propria azienda senza allacciamento alla rete, per esempio corrente da fonti idriche sul proprio alpe;
  • producono energia da biomassa disponibile localmente allo scopo di venderla, per esempio nel quadro di un’associazione per il teleriscaldamento
  • si basano su una catena regionale di creazione di valore aggiunto;
  • creano e salvaguardano posti di lavoro nella regione;
  • sono ben radicati nella regione.

  • Progetti senza possibilità di ottenere un sostegno

    I progetti che non possono essere sostenuti dall’Aiuto svizzero alla montagna

    • sono realizzati da aziende con cinquanta o più dipendenti a tempo pieno.
    • riguardano impianti fotovoltaici, eolici o idroelettrici che immettono corrente nella rete.
    • vengono realizzati dalla mano pubblica, per esempio dal Comune.
    • sono volti a coprire costi aziendali correnti.
    • sono già stati realizzati.
    Avete domande?
     Michelle Bürgi
    Michelle Bürgi

    Conosce le tre condizioni di base per beneficiare di un sostegno? Valgono per tutti i progetti.

    Come viene presentata una richiesta?

    local:faq_tit

    1

    Richiesta

    Il suo progetto soddisfa le condizioni di base e rispetta i criteri summenzionati? Allora prepari la sua richiesta e la inoltri online al link qui sotto.

    2

    Visita del progetto

    Se la sua richiesta supera il primo esame, un membro della nostra squadra di periti le renderà visita per valutare il progetto in loco.

    3

    Decisione

    La commissione di progetto discute la raccomandazione del perito e decide se sostenere il progetto. In caso di risposta positiva, i fondi le sono versati in tempo utile.

    Preparare la richiesta

    Per la presentazione di una richiesta, vanno fornite le informazioni seguenti.

    Inoltrare una richiesta

    Si registri sulla nostra piattaforma e presenti la richiesta corredata dalla necessaria documentazione direttamente online, così da consentirci di esprimerci sull’eventuale entrata in materia.

    Domande frequenti

    Perché l’Aiuto svizzero alla montagna richiede un piano aziendale?

    I piani aziendali servono a presentare l’idea, per esempio al fine di garantirsi un finanziamento. Per l’Aiuto svizzero alla montagna costituiscono una base importante per la valutazione di un progetto. I promotori dimostrano in questo modo di possedere le competenze per attuare quanto pianificato, chiariscono nei dettagli aspetti centrali e formulano le prospettive sull’arco di tre-cinque anni.

    Non ci sono prescrizioni per quanto riguarda la forma del piano aziendale. Nel catalogo di domande in materia abbiamo riunito quelle che riteniamo essenziali al riguardo.

    Qualora vi servisse assistenza tecnica nell’allestimento di un piano aziendale, possiamo mettervi in contatto con la nostra organizzazione partner Adlatus.

    Sussiste un limite di reddito e di sostanza per il richiedente?

    Fondamentalmente, non ci sono limiti fissi e, di conseguenza, non esiste alcun criterio di validità generale al riguardo. Al momento della verifica, tuttavia, viene considerata la situazione finanziaria e aziendale complessiva. L’Aiuto svizzero alla montagna interviene solo nel quadro di progetti per i quali il sostegno finanziario è necessario.

    A quanto devono ammontare i mezzi propri di chi presenta una richiesta?

    L’impegno finanziario del promotore del progetto è obbligatorio. L’importo dei mezzi propri dipende dal progetto, dalla situazione aziendale e dalle condizioni finanziarie del promotore.

    Come viene calcolato il contributo dell’Aiuto svizzero alla montagna?

    Non esiste una regola generale, l’Aiuto svizzero alla montagna interviene secondo le esigenze. Noi valutiamo la copertura dell’importo restante dopo esaurimento delle prestazioni proprie (mezzi propri, lavoro, materiale) e di un finanziamento di terzi (aiuti pubblici agli investimenti, prestiti bancari o di altro tipo).

    Quanto ci mette l’Aiuto svizzero alla montagna a decidere?

    Nella misura in cui la pianificazione del progetto si trovi a uno stadio avanzato e l’Aiuto svizzero alla montagna disponga di tutte le informazioni e di tutti i documenti di cui necessita, si tiene la visita peritale sul posto. Il perito volontario esamina l’idea e sottopone una richiesta alla commissione che prende la decisione definitiva. La commissione si riunisce una volta al mese. Una decisione viene dunque presa entro sei-otto settimane dal completamento dell’incarto.

    L’Aiuto svizzero alla montagna fornisce anche sostegno sotto forma di prestiti?

    L’Aiuto svizzero alla montagna non concede alcun prestito, i contributi accordati sono a fondo perso. Per ottenere prestiti a interesse, le aziende agricole possono rivolgersi alla cooperativa di fideiussione agricola di Brugg. Le aziende commerciali e artigianali possono rivolgersi alla cooperativa di fideiussione delle arti e mestieri competente per il loro ramo.