Formazione

L’Aiuto svizzero alla montagna sostiene progetti nel campo della formazione, del perfezionamento e dell’accudimento dei bambini al fine di migliorare le prospettive professionali nelle regioni di montagna.

La possibilità di seguire formazioni o perfezionamenti nelle regioni di montagna previene l’esodo rurale e apre nuove prospettive professionali. Che si tratti di corsi di informatica o di apicoltura, della creazione di aule o di asili, sosteniamo progetti volti a creare offerte di formazione e di accudimento nelle regioni di montagna, e partecipiamo ai costi di perfezionamento di privati e aziende

Sostegno a istituti di formazione

L’Aiuto svizzero alla montagna sostiene i progetti più disparati nel campo della formazione e del perfezionamento. Essi

  • assicurano le basi esistenziali ad almeno una persona;
  • migliorano l’offerta regionale di formazione e perfezionamento;
  • ampliano le competenze in ambito imprenditoriale;
  • rafforzano gli offerenti esistenti o ne attraggono di nuovi;
  • sono ben radicati nella regione.
  • Progetti senza possibilità di ottenere un sostegno

    Sono fondamentalmente escluse le offerte di formazione con mandato statale, per esempio quelle della scuola pubblica. Altri progetti senza possibilità di ottenere un sostegno.

  • sono realizzati da aziende con cinquanta o più dipendenti a tempo pieno.
  • sono sotto la responsabilità di un ente pubblico.
  • finanziano attività di marketing (p.es. pubblicità e siti internet).
  • servono all’elaborazione di concetti.
  • sono volti a coprire costi aziendali correnti.
  • sono già stati realizzati

  • Contributi ai costi di formazione e perfezionamento

    L’Aiuto svizzero alla montagna sostiene adulti che desiderano seguire una formazione o un perfezionamento. È importante che, frequentando il corso, la persona in questione migliori le sue basi esistenziali in una regione di montagna. Queste offerte di formazione e perfezionamento

  • rafforzano le competenze necessarie nella regione di montagna;
  • generano una catena di valore aggiunto nella regione.
  • Offerte di formazione e perfezionamento senza possibilità di ottenere un sostegno
    • Migliorano competenze che non trovano applicazione nella regione di montagna.
    • Si svolgono nel quadro della scuola obbligatoria o di una formazione di base.
    Avete domande?
     Patrick Zollinger
    Patrick Zollinger
    Formazione continua in ambito digitale
    A sostegno delle piccole e delle microimprese nelle regioni discoste, l’Aiuto svizzero alla montagna copre la metà dei costi dei corsi di formazione continua in ambito digitale tramite la piattaforma formazionecontinua.swiss.
    MAGGIORI INFORMAZIONI

    Conosce le tre condizioni di base per beneficiare di un sostegno? Valgono per tutti i progetti.

    Come viene presentata una richiesta?

    local:faq_tit

    1

    Richiesta

    Il suo progetto soddisfa le condizioni di base e rispetta i criteri summenzionati? Allora prepari la sua richiesta e la inoltri online al link qui sotto.

    2

    Visita del progetto

    Se la sua richiesta supera il primo esame, un membro della nostra squadra di periti le renderà visita per valutare il progetto in loco.

    3

    Decisione

    La commissione di progetto discute la raccomandazione del perito e decide se sostenere il progetto. In caso di risposta positiva, i fondi le sono versati in tempo utile.

    Preparare la richiesta

    Per la presentazione di una richiesta, vanno fornite le informazioni seguenti.

    Istituti di formazione

    Corsi di formazione o perfezionamento

    • Descrizione del corso
    • Costi e finanziamento del corso
    • Notifica di tassazione

    Inoltrare una richiesta

    Si registri sulla nostra piattaforma e presenti la richiesta corredata dalla necessaria documentazione direttamente online, così da consentirci di esprimerci sull’eventuale entrata in materia.

    Domande frequenti

    Perché l’Aiuto svizzero alla montagna richiede un piano aziendale?

    I piani aziendali servono a presentare l’idea, per esempio al fine di garantirsi un finanziamento. Per l’Aiuto svizzero alla montagna costituiscono una base importante per la valutazione di un progetto. I promotori dimostrano in questo modo di possedere le competenze per attuare quanto pianificato, chiariscono nei dettagli aspetti centrali e formulano le prospettive sull’arco di tre-cinque anni.

    Non ci sono prescrizioni per quanto riguarda la forma del piano aziendale. Nel catalogo di domande in materia abbiamo riunito quelle che riteniamo essenziali al riguardo.

    Qualora vi servisse assistenza tecnica nell’allestimento di un piano aziendale, possiamo mettervi in contatto con la nostra organizzazione partner Adlatus.

    Sussiste un limite di reddito e di sostanza per il richiedente?

    Fondamentalmente, non ci sono limiti fissi e, di conseguenza, non esiste alcun criterio di validità generale al riguardo. Al momento della verifica, tuttavia, viene considerata la situazione finanziaria e aziendale complessiva. L’Aiuto svizzero alla montagna interviene solo nel quadro di progetti per i quali il sostegno finanziario è necessario.

    A quanto devono ammontare i mezzi propri di chi presenta una richiesta?

    L’impegno finanziario del promotore del progetto è obbligatorio. L’importo dei mezzi propri dipende dal progetto, dalla situazione aziendale e dalle condizioni finanziarie del promotore.

    Come viene calcolato il contributo dell’Aiuto svizzero alla montagna?

    Non esiste una regola generale, l’Aiuto svizzero alla montagna interviene secondo le esigenze. Noi valutiamo la copertura dell’importo restante dopo esaurimento delle prestazioni proprie (mezzi propri, lavoro, materiale) e di un finanziamento di terzi (aiuti pubblici agli investimenti, prestiti bancari o di altro tipo).

    Quanto ci mette l’Aiuto svizzero alla montagna a decidere?

    Nella misura in cui la pianificazione del progetto si trovi a uno stadio avanzato e l’Aiuto svizzero alla montagna disponga di tutte le informazioni e di tutti i documenti di cui necessita, si tiene la visita peritale sul posto. Il perito volontario esamina l’idea e sottopone una richiesta alla commissione che prende la decisione definitiva. La commissione si riunisce una volta al mese. Una decisione viene dunque presa entro sei-otto settimane dal completamento dell’incarto.

    L’Aiuto svizzero alla montagna fornisce anche sostegno sotto forma di prestiti?

    L’Aiuto svizzero alla montagna non concede alcun prestito, i contributi accordati sono a fondo perso. Per ottenere prestiti a interesse, le aziende agricole possono rivolgersi alla cooperativa di fideiussione agricola di Brugg. Le aziende commerciali e artigianali possono rivolgersi alla cooperativa di fideiussione delle arti e mestieri competente per il loro ramo.